”Un amico speciale” (Pensieri di un’anima intrisa d’inchiostro)

Un milione di miglia lontano dalla realtà.
Sogni di cartapesta
Mi stanno avvolgendo
Fondendosi con la mia pelle.

Il mio corpo fluttua leggero nella stanza.
Immagini e stralci della mia vita passata
Scorrono velocemente
Così velocemente
Da diventare dei piccoli frammenti indecifrabili.

Ho corso per molto tempo
Nel tentativo di scappare lontano dal dolore
Ma ovunque andassi 
Anche se a corrente alternata
Esso era sempre li ad aspettarmi
Pronto per colpirmi nel mio momento di maggiore debolezza.

Ho imparato nuovamente a camminare
Dopo aver passato anni 
Strusciando sulle mie stesse ginocchia
E bagnando l’asfalto con le mie lacrime.
Molte mani mi sono state prostate
Ma non per rialzarmi
Bensì per spingermi ancora più a terra con la faccia.

Lotto per tenere vivo un momento alla volta
Il dolore non è più un mio nemico
Spesso ci sediamo e passiamo ore a parlare
Ridendo di tutte quelle povere anime
Che hanno fallito nel tentativo di sostituirsi a lui.

 

– Anima d’inchiostro –

Please follow and like us:
RSS
Follow by Email
Facebook0
Google+
http://minerva.writerseditor.org/2018/07/14/un-amico-speciale/
Twitter

Lascia un commento